Seleziona una pagina

LIBRI DI DONNE: UNA BIBLIOGRAFIA PER L’8 MARZO

Quando ho cercato nei miei libri qualche biografia e autobiografia di donne famose, mi sono accorta che ne negli anni ne ho comprate (e lette) molte più di quelle che credevo.

Michelle Obama, Coco Chanel, Maria Antonietta, Diane Arbus, Eleonora Duse. Le cerco e le leggo voracemente, alla costante ricerca di guide ed esempi da seguire. Questa bibliografia del femminile è davvero minuscola rispetto al numero di libri di cui vorrei e dovrei parlare, e per questo diventerà un appuntamento fisso. La aggiornerò costantemente con nuovi articoli e nuovi titoli.

Non solo libri: podcast e cataloghi

Insieme a questa prima bibliografia c’è anche una bellissima intervista a Chiara Tagliaferri: l’ho conosciuta grazie alla presentazione al Forum Monzani di Modena di Morgana, edizioni Mondadori, un libro che ha scritto insieme alla grande Michela Murgia.
Il libro è la trasposizione letteraria dell’omonimo podcast Morgana: una puntata ogni 17 del mese, una grande donna raccontata dalla voce di Michela Murgia in ogni puntata. Morgana è la casa delle donne libere, fuori dagli schemi, che hanno combattuto per l’affermazione del talento senza preoccuparsi di piacere agli altri e lasciando un grande segno.
Spoiler: fra tutte le Morgane raccontate c’è un anche un uomo. Non vi dirò chi è, scopritelo da voi. Ma il suo posto tra le Morgane se lo è meritato alla grande!

Un’altra raccolta di storie di grandi donne è Il catalogo delle donne valorose di Serena Dandini. Da Emma Goldman a Jeanne Moreau, da Ilaria Alpi ad Anna Pavlova, un compendio di grandi vite ingiustamente trascurate dalla Storia. E i collage di Andrea Pistacchi che accompagnano le biografie sono bellissimi.

Vite di artiste: passione e talento

Negli anni della moda di Parigi in cui regnava Coco Chanel c’era un’altra stilista che si faceva spazio con umanità, genio creativo e ironia tutte italiane: Elsa Schiaparelli.
La sua autobiografia, Rosa Shocking, edita da Donizetti Editore, è il racconto appassionato di una vita vissuta con grazia e costante ricerca della gioia e affermazione.
L’espressione del proprio talento ha fatto di Elsa un grande nome della moda internazionale. I tagli innovativi, le stampe vistose e originali hanno fatto storcere il naso a Madame Chanel più di una volta, ma unite alla sua esplosiva vitalità, l’hanno fatta amare dal pubblico come non mai.

Qualche anno prima e qualche chilometro più lontano, un’altra donna sfidava stereotipi e divieti per affermarsi come giornalista. Nellie Bly, pseudonimo di Elizabeth Jane Cochran, è stata la prima giornalista investigativa della storia e ha inventato il giornalismo sotto copertura.
Fingendosi malata di mente si fece internare nel manicomio di Blackwell per studiare da vicino le condizioni delle recluse e denunciare gli abusi che sospettava avessero luogo nella struttura. Dopo questa prima incursione nel mondo del giornalismo ha svolto numerose altre indagini e imprese, tra cui un giro del mondo in 72 giorni.
Dove nasce il vento. Vita di Nellie Bly di Nicola Attadio ne ripercorre la vita con una voce attenta ed esauriente.

Un’altra grande artista, protagonista di una bellissima puntata di Morgana, è Marina Abramovic. Mi ha sempre incuriosita ma ammetto di non avere mai capito del tutto la sua arte e di averla anzi guardata con una sorta di sospetto. Insomma, nudi gratuiti, ferite reali, lacrime e autofustigazioni: perché?
Poi ho letto la sua autobiografia: Attraversare i muri, Bompiani.
È stato come se mi avesse strappato un velo dagli occhi: la passione e la disciplina che stanno dietro il suo instancabile lavoro sono inavvicinabili. Marina Abramovic è un genio e uno schiacciasassi, e il suo libro un’accusa alla mediocrità. Una grande artista e un grande libro.

Annie Ernaux: una vita tanti libri

 

L’Orma editore ha pubblicato sei delle tante opere di Annie Ernaux: edizioni eleganti per una voce delicata che ha ripercorso periodi ed eventi della sua vita raccontandoli con sincerità e un punto di vista del tutto originale.

Annie non scrive solo un’autobiografia, pezzi della sua vita disseminati nei libri. Compie anche un’indagine sociologica sulla provincia francese da cui proviene la sua famiglia e dove lei è nata: i riti, le ipocrisie, i desideri, la tensione verso un miglioramento. L’avvicinamento a una borghesia mai del tutto raggiunta o compresa.

Bastava chiedere! Eh no! Arrivaci da solo.

Emma è una fantastica blogger femminista. Per qualche oscuro motivo la parola femminista oggi fa ancora paura. Evoca ascelle pelose e reggiseni bruciati in piazza, rimanendo ancorata a uno stereotipo che non ha più senso di esistere.
Oggi ci sono mille modi di essere femministe, alcuni più incomprensibili di altri, ma a quanto pare sempre fastidiosi. Se vi riconoscete nelle donne favorevoli all’aborto, che magari hanno votato nel 1974 al referendum per il divorzio ma non volete essere in nessun modo definite femministe, leggete Bastava chiedere!, Laterza editore, e poi ne riparliamo. Oppure se conoscete il francese leggete il suo blog.
Vi chiarirà le idee sul significato di carico mentale, e vi aprirà gli occhi sulla disparità di genere che condiziona le nostre vite senza che a volte ce ne rendiamo nemmeno conto.

Un’altra voce femminista potente e rivelatrice è quella di Chimamanda Ngozi Adichie, scrittrice nigeriana di etnia Igbo. Una vita, la sua, in un altro mondo rispetto al nostro, un altro continente, per molte un altro colore. Ma le sue parole accomunano tutte le donne, tutte possiamo ritrovarci nella sua Cara Ijeawele ovvero quindici consigli per crescere una bambina femminista, Einaudi editore. Chimamanda ci racconta in questa lettera indirizzata alla figlia neonata di un’amica cosa significhi per lei essere femminista, quali sono le gabbie che rinchiudono le donne in ruoli che non vogliono ma sembrano essere inevitabili.

Il suo è un manifesto, quanto mai necessario oggi, che si unisce al suo Dovremmo essere tutti femministi, l’adattamento a una conferenza TEDx che ha avuto un successo straordinario.
Il libro migliore per augurare a tutte una buona Festa della Donna!

 

Pin It on Pinterest